Please reload

cerca per parole chiave

September 28, 2019

Please reload

Post recenti

Legno e CO2

September 28, 2019

1/10
Please reload

Featured Posts

Quali sono i materiali usati in bioedilizia?

06/04/2017

 

Quando si progetta un edificio, bisogna fare un’attenta valutazione dei materiali che si andranno ad impiegare. Per edificare una casa “sana” si dovrebbe prevedere l’uso di materiali naturali. Bisogna però dire che non tutti i materiali naturali sono sinonimo di salubrità, esistono infatti molteplici materiali in natura che possono rilasciare sostanze nocive e tossiche usate durante la loro lavorazione o per la loro produzione; altri materiali invece possono emettere radioattività dovuta a contaminazioni e altri possono arrivare persino ad emettere radon, come ad esempio alcuni tufi di origine vulcanica o graniti.

Esistono altri materiali naturali come l’isolamento a base di funghi, bio-mattoni con batteri, pannelli in fibra di cellulosa, che attualmente sono più difficili da trovare sul mercato ma che sicuramente garantiscono ottime prestazioni. Tra i materiali naturali più consigliati ed usati troviamo il legno, la calce, il bambù, la paglia, la lana di pecora, il sughero e la canapa.

Il bambù è un materiale molto impiegato in Oriente, ma negli ultimi anni si sta adottando anche in Occidente. Dal punto di vista strutturale ha delle notevoli proprietà meccaniche, infatti molte prove dimostrano che ha un’alta capacità di resistenza a trazione ed a flessione. Inoltre è una pianta che raggiunge la sua maturità nell’ arco di tre-cinque anni ma è considerata sufficiente per il taglio un’età di quattro anni, quindi risulta molto veloce il rinnovo dell’impianto.

Il materiale naturale, però, più utilizzato in tutta la storia dell’uomo, è sicuramente il legno. Tale materiale è sicuramente tra i materiali più sani che esistano, viene impiegato sia come elemento strutturale sia per gli arredi, i rivestimenti e per i pavimenti. Il legno presenta delle ottime prestazioni meccaniche, resiste molto bene a flessione e a trazione grazie alla sua elasticità, inoltre è un buon isolante, filtra i gas nocivi, assorbe l’umidità in eccesso nell’ ambiente e la rilascia quando l’aria diventa più secca. Spesso, però, le caratteristiche del legno vengono messe a rischio dai trattamenti che il materiale deve subire durante le fasi di lavorazione. L’eccessiva tendenza di trattare e proteggere il legno ha dato luogo a una serie di prodotti patinati, plastificati, vetrificati a tal punto da perdere tutte le proprietà naturali iniziali. Questo tipo di trattamento viene effettuato prevalentemente per evitare che venga attaccato da parassiti e per mantenere la loro bellezza naturale nel tempo. Per evitare questo problema sarebbe più opportuno seguire un corretto standard durante le varie fasi di lavorazione dal taglio alla stagionatura. In passato venivano impiegati degli impregnanti con essenze anti-parassitarie prodotte dalla corteccia o dalle foglie della pianta stessa e da finiture vegetali. Attualmente vengono utilizzati invece trattamenti molto aggressivi per il legno, infatti il legno impregnato di sostanze protettive che, una volta assorbite, vengono rilasciate per lungo tempo. Queste sostanze sono per l’uomo molto velenose e costituiscono una delle principali cause di presenza di pesticidi nel sangue. Molte sono cancerogene o letali in caso di forte intossicazione. Se in fase progettuale si sceglie il tipo di legname da impiegare più adatto si può evitare di trattarlo. Per le strutture portanti si sceglieranno essenze di Conifere che contengono già allo stato naturale delle sostanze capaci di proteggere il legno dai parassiti.

Le tecnologie strutturali più usate e sicuramente anche più avanzate ed innovative sono il legno lamellare e il sistema Xlam. Ad oggi molte aziende che si occupano di lavorazioni del legno hanno sviluppato dei sistemi per ottimizzare la sua lavorazione come il taglio a controllo numerico e per facilitare e velocizzare la sua lavorazione in cantiere.

Vallestrona Energy House ha sposato da anni la scelta di un’edilizia eco-sostenibile e innovativa proponendo strutture in legno che possano rispondere alle esigenze di tutti. Prevalentemente costruiamo con il sistema Xlam, che garantisce grandi prestazioni strutturali, utilizzando l’elemento per pareti, solai e coperture in edifici di ogni tipo, riuscendo a realizzare anche strutture multi-piano grazie anche alla sua alta prestazione antisismica. Il pannello Xlam permette, inoltre, grande rapidità di montaggio con elevata precisione, diminuendo notevolmente i tempi di costruzione.

 

Please reload