Please reload

cerca per parole chiave

September 28, 2019

Please reload

Post recenti

Legno e CO2

September 28, 2019

1/10
Please reload

Featured Posts

Lorenzino Cosson e il "suo" Rifugio Giorgio Bertone

28/07/2017

 

 

Il Rifugio Bertone è situato a Courmayeur, alta Valle D'Aosta, a 2000 m, ai piedi del  Monte Bianco. Questo edificio prende il nome della guida alpina Giorgio Bertone. Lorenzino Casson, grande amico di Giorgio, condivise con lui una vita di avventure in montagna, fino alla prematura scomparsa di Giorgio e nel 1982 intraprese la costruzione del rifugio in suo onore e cominciò la storia di questo luogo di ritrovo, culto della montagna e totale immersione nella natura; un posto magico per unicità e bellezza.

Il rifugio si trova a circa 1h e mezza di cammino da Courmayeur e Planpinceux, è anche una tappa del trekking del “Tour du Mont Blanc”.

 

Nel 2015 Vallestrona Energy House venne incaricata per l’ampliamento del rifugio creando una struttura moderna destinata a dormitorio, immersa nella natura e rispettosa dell'ambiente circostante. La nuova struttura ricettiva si sviluppa su due piani fuori terra, entrambi di 60mq, il pian terreno progettato in maniera da poter garantire l’accesso ai portatori di handicap, ma soprattutto soddisfa le esigenze delle grandi affluenze di pubblico in alta stagione. Il sistema utilizzato, a differenza dello storico rifugio, è l’innovativo sistema a struttura in pannelli di legno strutturale "X-Lam". Il solaio è stato realizzato con travi in legno lamellare e l’inserimento di pannelli isolanti tutto posato a secco. La copertura è realizzata in legno con orditura alla piemontese, ma anziché impiegare i consueti manti di copertura in laterizio o in pietra, è stato impiegato alluminio Prefa con sistema di posa in doppia aggraffatura.

 

 La problematica maggiore che si è presentata in fase progettuale è stata la logistica:  l’impiego dell’elicottero per effettuare le lavorazioni e per trasportare il materiale, vista la sua posizione davvero inaccessibile per i mezzi è stata determinante. 

Partendo già dalla fase progettuale ci siamo posti l’obiettivo di programmare dettagliatamente tutte le lavorazioni per la fase esecutiva in cantiere così da poter agire velocemente e coordinare le fasi di avanzamento cantiere con i trasporti in elicottero, obiettivo possiamo dire ormai perfettamente centrato, visto che abbiamo rispettato il cronoprogramma dell'opera consegnando in soli 80 giorni. E’ stata una vera e propria sfida per la nostra azienda che mai prima aveva intrapreso una prova di questa portata.

 

Visitando questo posto sarete incantati dalla bellezza unica, conviviale, salubre di un luogo che custodisce una grande storia di montagna, di alpinisti, di persone vere che sanno rendere magico questo piccolo angolo di mondo.

Please reload